Aggiornamenti dal Burkina Faso (VI)



Buonasera cari amici,
come tutti saprete in BURKINA FASO, dove attualmente vive Laura, una nostra volontaria in missione SVE, c'è stata una rivoluzione popolare che ha portato il presidente Blaise Campaoré a dimettersi e negli ultimi due giorni ci sono state rivolte e molta confusione.
Abbiamo voluto fare questo post per rassicurare tutti coloro che ci seguono che abbiamo sentito Laura, che STA BENE: nel villaggio di Di, dove risiede, non è arrivato nulla di quanto sta succedendo in capitale (potete controllare anche la distanza fisica tra Ouaga e Di su una mappa per rendervi conto che sono molto lontane) e lei è TRANQUILLA E PROTETTA nel e dal villaggio. Per questa ragione, al momento, riteniamo che per lei sia molto più sicuro stare dov'è che non muoversi verso l'aeroporto in capitale, un viaggio che comporterebbe sicuramente molti rischi. Peraltro, date le dimissioni del presidente, i dissidi dovrebbero terminare presto. In ogni caso siamo in costante contatto con lei, e vi riportiamo di seguito il testo del suo messaggio, ricevuto poco meno di un'ora fa:

"Ciao! qui al villaggio la situazione è tranquilla come
sempre...nulla sembra essere successo qui...solo i discorsi delle
persone sono cambiati.. Per il resto nessuna novità! Ora Blaise ha
dimissionato quindi le violenze dovrebbero terminare... Grazie mille
per il messaggio! Buona serata!ciao ciao"

Come segno di speranza, inoltre, pubblichiamo le foto che ci ha fatto pervenire, le foto di un progetto che sta procedendo e di un lavoro eccezionale che lei sta facendo! Guardate che meraviglia!

Aggiornamenti dall'Uganda



Bene bene bene, sapete cosa vi mostriamo oggi? Le recentissime foto che ci sono state inviate da Arise&Shine che mostrano come procedono i lavori della CASA FAMIGLIA IN UGANDA!! Eccole!! Che dire? C'è ancora da fare, ma si lavora!Un grazie a tutti coloro che hanno contribuito con donazioni o hanno partecipato al pranzo di raccolta fondi di Giugno! Stay tuned per i prossimi aggiornamenti!



Laboratorio creativo @Eko Park



Eko Park



green

Newsletter n. 4



Desideri ricevere la nostra newsletter? Richiedi di essere inserit* nella mailing list scrivendo a ilcolibri.monselice@gmail.com!

Carissimi/e Colibrì, soci/e e sostenitori/trici,

tutti abbiamo visto quello che sta succedendo a Gaza; il conflitto tra Israele e la Palestina è una situazione complessa sotto tutti i punti di vista per quanto riguarda il diritto di tutti i popoli a poter abitare in pace in un territorio. E’ evidente, però, che chi oggi sta pagando un prezzo altissimo alle logiche internazionali del profitto e della guerra sono i Palestinesi tanto che un appello di giuristi a livello internazionale evidenzia come si possa parlare di "crimini di guerra" e di "terrorismo di stato" da parte israeliana.

I media presentano la vicenda come un conflitto irrisolvibile tra due parti uguali, ma non lo è. Gli attacchi degli estremisti palestinesi contro civili innocenti non sono mai giustificati e l'antisemitismo di Hamas è disgustoso. Ma questi estremisti rivendicano legittimazione dal combattere l'oppressione grottesca portata avanti da decenni da Israele. Al momento Israele occupa, colonizza, bombarda e attacca una nazione legalmente libera, riconosciuta dalle Nazioni Unite, e ne controlla l'acqua, il commercio e i confini: ha creato la prigione all’aperto più grande del mondo e poi l’ha isolata. Ora, mentre cadono le bombe, le famiglie non hanno letteralmente alcuna via di fuga.

Sono crimini di guerra che non accetteremmo da nessun’altra parte: perché accettarli in Palestina? Mezzo secolo fa Israele ed i suoi vicini arabi sono entrati in guerra e Israele ha occupato la Cisgiordania e Gaza. Spesso ai conflitti seguono delle occupazioni, ma nessuna occupazione militare dovrebbe diventare una tirannia lunga decenni che incoraggia e avvantaggia solo gli estremisti che usano il terrore per colpire i civili. E chi soffre? La maggior parte delle famiglie da entrambe le parti che vogliono solo libertà e pace.

In questa situazione così drammatica vogliamo diffondere l'appello del MINISTERO DELLA SANITA' PALESTINESE, il quale richiede con URGENZA a tutti i cittadini e alle istituzioni preposte di contribuire al sostegno economico di queste popolazioni e alla raccolta di farmaci, materiali medico- sanitari e all'invio di medici e di infermieri professionali.

La Bilancia di Este insieme alle Botteghe del mondo della bassa padovana si sono attivate con iniziative di informazione e sensibilizzazione alla cittadinanza e con questa newsletter Il Colibrì desidera invitare tutti i nostri amici e simpatizzanti a contribuire economicamente ed, eventualmente, a prendere contatto con medici e farmacisti della vostra zona – presentando la lista dei farmaci – per raccogliere il possibile.

Nell'allegato troverete la lista dei farmaci, i dati per il versamento del contributo e ulteriori dettagli logistici.

- - - - - - - - - - - - - - - - - -


Inoltriamo un appello dell'organizzazione non governativa internazionale Avaaz.org:

Per metter fine alle violenze in Medio Oriente serve un’azione non violenta: i nostri governi e le nostre aziende continuano a commerciare e investire nel conflitto, ma possiamo contribuire a farla finita spingendo le banche, i fondi pensione e le imprese più importanti a ritirare i loro investimenti dall'occupazione.

Sappiamo che può funzionare: il governo israeliano ha tremato quando 17 paesi UE hanno approvato le linee guida per sconsigliare di investire negli insediamenti illegali, e quando i cittadini olandesi sono riusciti a convincere il fondo pensionistico PGGM a ritirarsi dagli investimenti nell'occupazione, hanno scatenato una tempesta politica.

Forse non sembrerà un metodo diretto per fermare le uccisioni di questi giorni, ma la storia dimostra che far salire il costo dell’oppressione può portare alla pace. Chiediamo a 6 tra le banche, i fondi pensione e le aziende più importanti di ritirare gli investimenti da aziende e progetti che finanziano gli insediamenti illegali e l'occupazione: potrebbero farlo se tutti insieme li metteremo sotto pressione. Sarebbe un duro colpo per l'economia israeliana e potremmo mandare a monte i piani degli estremisti che sfruttano politicamente questo inferno:

Se riusciamo ad organizzare il più grande appello globale per chiedere a queste società di tirarsi fuori dal business dell'occupazione, dimostreremo che il mondo non vuole più essere complice di questo bagno di sangue. Il popolo palestinese chiede al mondo di sostenere questa soluzione, appoggiata anche dagli israeliani progressisti. Uniamoci a loro:

https://secure.avaaz.org/it/israel_palestine_this_is_how_it_ends_3b/?bVhJAab&v=43463

Ognuno di noi può fare la propria parte, come il piccolo colibrì, basta davvero poco...

Grazie!



Aggiornamenti dal Burkina Faso (V)



Aggiornamenti dal Burkina Faso (IV)



Pranzo solidale



Aggiornamenti dal Burkina Faso (III)



Aggiornamenti dal Burkina Faso (II)





Vuoi collaborare con noi?

Iscriviti alla nostra associazione e potrai aiutarci sia in Bottega che nelle iniziative culturali. Scrivici!
ilcolibri.monselice@gmail.com

Segui Il Colibrì

fb rss
Sito realizzato con Drupal. Powered by Valentino Giorgio Rettore
fs